domenica 12 giugno 2011

Crescioni alle bietole

Ricetta tratta (e liberamente modificata) da Sale & Pepe di Giugno 2011.

Nonostante le settimane trascorse, comprensive di lungo ponte del 2 giugno, non sono riuscita a trovare il tempo per scrivere un post come si deve, nonostante abbia diverse ricettine nuove nuove da proporvi (finalmente pare che mi sia tornata la voglia di cucinare…ho preparato un sacco di cose buone in questi giorni!).

Stasera finalmente trovo cinque minuti per condividere con voi la mia ultima scoperta in fatto di piatti unici veloci-gustosi-sfiziosi!
Come ho scritto in cima al post, ho visto questi “crescioni” sull’ultimo numero di Sale & Pepe ed è stato amore a prima vista! Sfogliavo la rivista in studio, durante una breve pausa caffè, quando ho posato gli occhi su questa ricetta; è bastato un attimo per decidere che li avrei preparati per pranzo, benché avessi davvero poca mozzarella e non potessi uscire a comprarla.

Io non li avevo mai sentiti nominare, ma pare che i crescioni siano un piatto tipico in romagna, un’alternativa alla classica piada farcita a crudo. Si tratta di una sorta di calzoni, preparati però con la pasta delle piadine (e qui sta la genialità del piatto, la pasta delle piadine ha dei tempi di preparazione decisamente più brevi di quella dei calzoni, il che consente di prepararli in qualsiasi momento senza doverci pensare per tempo). I tradizionali crescioni sono farciti con erbe di campo, tra cui il crescione che dà loro il nome, e mozzarella o altro formaggio fondente. Io li ho fatti con biete (surgelate…ve l’ho detto che ho deciso di preparali proprio all’ultimo momento!), acciughe e mozzarella, ma mi riprometto di provarli con i salumi, con lo stracchino e gli spinaci, con le verdure grigliate e la scamorza affumicata… Insomma, è facile capire che si prestano ad infinite varianti e sono così buoni e facili che diventeranno un nuovo tormentone in casa mia!

Per la pasta delle piadine io non ho seguito la ricetta di Sale & Pepe, ma mi sono affidata alla mia tradizionale, che ho usato per queste. Però ho seguito il suggerimento di dare due giri di pieghe all’impasto.

crescioni2

Ingredienti (per 4 o 5 crescioni)

per la pasta

250 g di farina 00
120 g di acqua tiepida
1 cucchiaino di lievito per torte salate
40 g di strutto
1 cucchiaio di olio e.v.o.
mezzo cucchiaino di sale
mezzo cucchiaino di miele

per il ripieno

300 g di foglie biete (surgelate nel mio caso)
1 mozzarella (circa 120 g)
2 filetti di acciuga sott’olio
olio, sale, pepe e noce moscata

Preparazione

Preparate prima le biete, lessandole in acqua bollente leggermente salata. Il tempo di cottura sarà diverso a seconda che usiate biete fresche o surgelate. Scolatele, lasciatele raffreddare e poi strizzatele bene tra le mani. Tritatele con il coltello, quindi conditele con un pizzico di pepe e una grattatina di noce moscata. Nella ricetta originale, le biete dopo essere state lessate venivano saltate in padella con aglio e olio; a voi la scelta.

Preparate adesso la pasta delle piadine. Io uso la planetaria, ma si può preparare tranquillamente a mano. Mescolate in una ciotola la farina, il sale, il lievito (ne esiste un tipo, di una nota marca, con la confezione gialla, pensato appositamente per piadine e torte salate) ed il miele. Unite man mano l’acqua tiepida, iniziando a lavorare (a mano o con l’impastatrice a bassa velocità). Quando la pasta si sarà amalgamata, unite l’olio e lo strutto (secondo me è sufficiente anche solo lo strutto, la prossima volta proverò a non mettere il cucchiaio d’olio) e continuate ad impastare fino a che avrete ottenuto una pasta liscia ed omogenea.
Volendo, potete sostituire lo strutto con olio o burro, ma otterrete una pasta più croccante.

Copritela e lasciatela riposare 10 minuti (ma anche no! se ho fretta non lo faccio…).

Stendete la sfoglia in  un rettangolo, quindi piegatela in tre parti (come un libro); stendetela nuovamente e piegatela ancora in tre. Lasciate riposare qualche minuto, quindi, dividetela in 4 o 5 parti uguali. Stendete ogni porzione di pasta in un disco non troppo sottile (i miei lo erano un po’ troppo). Distribuite su una metà del disco le biete, spezzettateci sopra mezzo filetto di acciuga e terminate con qualche cubetto di mozzarella. Chiudete i dischi a mezzaluna, ripiegando i bordi e sigillandoli bene con una forchetta. Proseguite nello stesso modo per le altre porzioni di pasta.

Cuocete i crescioni su una piastra di ghisa ben calda (o al limite anche in una padella antiaderente) circa 3 minuti per lato, fino a che saranno ben dorati fuori. Serviteli caldi.

14 commenti:

Valentina ha detto...

Ciao, sono proprio buoni questi crescioni, poi sono un piatto leggero e gustoso; ottimi con le verdure e poi li proverò sicuramnte anche con i salumi. Ottima ricetta!!
ciao buona serata
passa a trovarmi quando vuoi così s ti va mi dai anche un tuo parere sul mio blog :-)

Giorgia ha detto...

io vengo a provarli quando li prepari con lo stracchino!!!

Letiziando ha detto...

Se per caso ti capita di farli anche con salmone, gamberetti e rucolina fresca io mi prenoto già ;-)

Saretta ha detto...

DEvo decidermi a preparare le piade in casa!Magari con l'olio d'oliva :)
Ottima idea e..sono felicissima tu abbia ripreso il ritmo!!!Ti aspetto e leggo sempre volentierissimo!
Bacione

Wennycara ha detto...

!!!
Me felice, di tante cose :)
Brava creatura ;)

wenny

ilcucchiaiodoro ha detto...

Si i crescioni sono delle piadine chiuse e ripiene... Sei stata davvero brava! complimenti!

Moscerino ha detto...

@ Valentina: sono felice che ti siano piaciuti; e scusa se ancora non sono passata a trovarti, per ora trascuro un po' le visite.. :)
@ Giorgia: adesso me lo segno...."contattare giorgia quando faccio i crescioni con lo stracchino" ;)))
@ Letiziando: salmone gamberetti e rucola?? non avrei mai pensato alla versione "mare"...interessante...
@ Saretta: con l'olio vengono più croccantine, ma buone lo stesso. Io però le preferisco con lo strutto...e del resto...lo uso solo per queste, i biscotti regina e raramente qualche brioche...non sarà la fine del mondo no?? :)
@ Wenny: :))))
@ Il cucchiaio d'oro: il tuo sembra un parere autorevole...grazie!

La Ceci Cucina! ha detto...

Devono essere una bonta!!
Prima o poi mi cimenterò pur eio con paide e crescioni...

Ciao
Ceci

ristoranti di roma ha detto...

Decisamente buoni questi Crescioni alle bietole! una ricetta originale da provare assolutamente in cucina!

chez munìta ha detto...

sono molto onorata che tu sia passata da me e che ti sia piucto il mio bloggarello..
cristina mi parla sempre di te e prima o poi mi sa che dobbiamo incontrarci..:))
queste piadine sono veramente straordinarie..
il tuo blog è elegante e preciso, mai noioso, ma solare..
stuzzicante e professionale..

grazie delle tue parole..


valentina

Moscerino ha detto...

@ Valentina: grazie a te dei complimenti...le mie ricette sono molto meno precise delle tue, ma faccio quel che posso (la tua precisione nel riportare le temperature degli impasti mi ha sconvolta!).
Quanto ad incontrarci...innanzi tutto non è solo Cristina che mi canta le tue lodi, e poi...credo che ci siamo già incontrate...almeno una volta, anche se di sfuggita! :))

pages ha detto...

da provare!!! Che meraviglia

meandfrankieavalon ha detto...

Che acquolina!!
Voglio provarli!

archcook ha detto...

Buon 2012!! Non è che tra i buoni propositi del nuovo anno c'è una bella ricetta cotta al VAPORE ?!

Ti aspetto !!

http://www.archcook.com/2011/11/una-nuova-sfida-contest-cottura-al.html