sabato 16 ottobre 2010

Chocolate Thumbprints (by Martha Stewart)

Meglio noti come “i biscotti al cioccolato più buoni del mondo”. La ricetta di Martha Stewart la trovate qui. La ricetta con le dosi convertite la trovate un po’ ovunque.

Chocolate_Thumbprints

Come noterete, mi sono lasciata convincere da voi che valga la pena anche riproporre una ricetta già vista. Ho molto apprezzato tutti coloro che hanno scritto che un blog non è fatto solo dalle ricette, più o meno nuove, ma anche e soprattutto da chi le descrive, aggiungendoci qualcosa di personale.

Questo mi ha fatto riflettere sul mio modo di scrivere. Quando condivido le ricette su questo spazio, o commento le vostre, mi sembra di tornare bambina, anzi diciamo adolescente. E’ tutto un continuo entusiasmarmi, mettere puntini di sospensione e punti esclamativi, “andare in brodo di giuggiole” per questa o quella ricetta...insomma, sarà la “sindrome da diario segreto” (adoravo tenerli, e metterci tutto il dovuto corredo di cuoricini, puntini, disegnini, ecc.), ma quando rileggo i miei scritti a distanza di tempo penso che, agli occhi degli altri, io debba sembrare una sciocchina. E mi vergnogno come una ladra.
Eppure, Moscerino è fatta così. Non nego che io, nella vita reale, sia un po’ così, però diciamo che, ordinariamente, sono ben più controllata. Insomma Moscerino è un alter ego; sono io e non sono io. E’ la Me che non deve preoccuparsi di come possa apparire agli occhi degli altri, la Me che può concedersi di restare sempre un po’ bambina (chiari sintomi di “sindrome di Peter Pan”?). Per questo, però, finisco per tenere Moscerino ben separata dalla vera me. Il che significa, principalmente, non parlare quasi mai del mio blog. Raramente tra le mie frequentazioni dico di averne uno, o invito a visitarlo. Arrossisco solo all’idea che certe persone, che mi vedono così seria e posata, leggano quello che scrive la mia “altra me”.
Di recente, però, è capitato che la mia collega P. abbia indicato il mio blog ad un’altra persona, la quale, poi, gliene ne ha parlato in toni lusinghieri. Dovrei essere felice. Ma, sotto sotto, spero di non conoscere mai quella persona!

Dite che sono pazza?? Beh, può darsi…del resto non lo siamo un po’ tutti noi food bloggers? Chi di noi non è stato oggetto degli sguardi attoniti dei vicini di casa mentre, muniti di cavalletto, macchina fotografica, specchi, diffusori, tovagliette, cartoncini, piatti, posate, ci contorcevamo sul balcone, o davanti alla finestra, nel tentativo di catturare l’immagine perfetta di…un biscotto? (Di fronte casa mia, per ora, ci sono dei lavori di ristrutturazione…non vi dico come mi guardino gli operai…e ricordo ancora lo sguardo di mia zia, mentre mio padre tentava di spiegarle in che consistesse il mio blog…povera donna, si sta ancora chiedendo perchè debba mostrare su internet, a perfetti estranei, quello che ho cucinato).

Va beh, adesso che vi ho bersagliato con i miei pensieri sconclusionati, torniamo a parlare di cucina. Questi biscottini,direi piuttosto pasticcini, sono un tripudio di cioccolato che avrete visto un po’ ovunque in rete. Ma desideravo da troppo tempo prepararli. E finalmente mi sono decisa, soprattutto per poter provare un nuovo gadget da cucina, regalatomi dalla mia collega P., una “penna per decorare”. Si tratta di un piccolo contenitore in silicone con beccucci intercambiabili, decisamente più comodo della tasca da pasticcere per piccole quantità (avete mai provato a mettere tipo due cucchiai di crema in un sac à poche?), e più pratico del famigerato conetto di carta forno per chi, come me, ha scarsa manualità. In questo caso, l’ho utilizzata per riempire di crema i biscottini senza sbavature. Ma non vedo l’ora di provarla per vere e proprie decorazioni. Credo sia ufficialmente divenuto il mio attrezzo preferito!

Ingredienti (per circa 30 biscotti):

per i biscotti

120 g di farina 00
60 g di cacao amaro in polvere
1 cucchiaino di sale di Cervia
115 g di burro morbido
130 g di zucchero
1 tuorlo
1 cucchiaio di panna fresca

zucchero q.b. per rotolarvi i biscotti

per la ganache

40 ml di panna fresca
40 ml di miele
60 g di cioccolato fondente al 70% *
30 g di burro

* io ho utilizzato 30 g di cioccolato e 30 g di massa di cacao 100% della Cuorenero. La massa di cacao, molto amara ma profumatissima, conferisce più carattere alla crema, contrastando la dolcezza del biscotto.

Preparazione

Con delle fruste elettriche, sbattete il burro con lo zucchero, fino ad ottenere una crema morbida; unite il tuorlo e la panna e mescolate bene. Aggiungete adesso la farina, che avrete precedentemente mescolato con il cacao ed il sale, e mescolate bene fino ad amalgamare il tutto. Compattate, se occorre, il composto con le mani e ponete in frigo a raffreddare per una mezz’ora, coperto da pellicola trasparente.

Preriscaldate il forno a 175°. Prelevate il composto dal frigo; preparate una ciotola con dello zucchero semolato, in cui rotolerete i biscotti. Prelevate un cucchiaino di composto, rotolatelo velocemente tra le mani (possibilmente fredde) fino a formare una pallina, rotolatela, rotolatela nello zucchero e adagiatela sulla placca coperta di carta forno. Schiacciate lievemente la pallina e praticatevi un foro nel centro con il manico di un cucchiaio di legno. Proseguite così fino ad esaurimento dell’impasto, avendo cura di distanziare i biscotti l’uno dall’altro. Se potete, mettete la teglia in frigo per una decina di minuti prima di cuocere i biscotti, così manterranno meglio la forma.

Cuocete per 10-15 minuti. Io li ho cotti per 15 minuti, perché volevo che diventassero un po’ più consistenti e croccanti. Sfornateli e lasciateli raffreddare per una decina di minuti senza toccarli (sono molto fragili).

Nel fratttempo, preparate la ganache. Mettete in un pentolino su fuoco basso la panna ed il miele. Quando saranno caldi, ma non bollenti, unite il cioccolato spezzettato e spegnete il fuoco. Mescolate bene, quindi, unite il burro e mescolate ancora, fino ad ottenere una crema liscia e lucida.

Quando la crema sarà tiepida, riempite l’incavo dei i biscotti.

15 commenti:

MMM ha detto...

direi stratosferici!!!
passa a tovarci=)
http://modemuffins.blogspot.com/

percorsi golosi ha detto...

soffro della tua stessa sindrome...parlo molto raramente del mio blog ma non ne è ancora capito il motivo!!!! chissà??? Complimentissimi... amo tutto ciò che è molto cioccolatoso!!!!! a presto

Lievito e Spine ha detto...

Mamma mia!!! Con questi sì che vado in brodo di giuggiole!!!
Eva

Simo ha detto...

...davvero golosissimi!!!!!!
Che bello rileggerti...

Asa_Ashel ha detto...

Una delle cose che mi hanno colpito subito di te era questa dualità tra un animo giocoso e molto tenero e la rigorosità di chi segna gli ingredienti con la grammatura perfetta e guai a sgarrare perché altrimenti non và bene. Anche mia madre sa che ho un blog di cucina che però non ha mai visto e dubito che abbia capito come sia strutturato perché ne ho sempre parlato in modo vago, però dice a tutti che ce l'ho e quando le racconto di tutti i commenti e i confronti che scambio con gli altri utenti la vedo sempre che le si illuminano gli occhi, chissà che storie si sarà immaginata. (specifico comunque che il rapporto tra gli utenti è una delle cose più belle che i blog offrono oltre alla condivisione e diffusione di una cultura non solo gastronomica). Anch'io non amo molto farmi pubblicità però me ne frego alla grande dello stupore degli altri quando mi vedono allestire set fotografici improvvisati in cucina o nel terrazzino, perché muoiono dalla voglia di sapere e io non gli dico niente.
Molto sfiziosi questi biscotti cioccolatosi, però mi rimane una curiosità sulla penna magica. E' difficile mettere due cucchiai di crema nella sac a poche, ma nella penna come fai? c'è per caso un meccanismo a risucchio tipo siringa?
LaCaloriaSolitaria

Moscerino ha detto...

@ MMM, percorsi golosi e Simo: grazie!
@ Asa_Ashel: i tuoi commenti sono sempre densi di significato e di attenzione a quello che ho scritto; è bello che trovi il tempo e la voglia per farlo. La "penna magica", per adesso, resterà un mio piccolo segreto; appena la userò per una decorazione degna di questo nome, magari ve la mostro!

Milla ha detto...

Ti capisco alla perfezione, anche a me capita di rileggere precedenti post e a volte sentirmi un pò sciocca, magari li trovo scontati per facili entusiasmi che possono prendermi se una ricetta mi viene bene e decido di condividerla, ma in fondo, comde dici tu siamo noi stessi nel blog senza tanti imbellattamenti, magari con i panni smessi del lavoro che ci vuole serie e professionali. Solo un paio di amici sanno di questa mia passione, ma un pò di passaparola c'è stato e un giorno al super una conoscente del mio paese mi ha fermato chiedendomi cosa avrei cucinato di buono, mi sono sorpresa e e lei mi ha spiegato che era una mia fan!E che il blog era solare proprio come il mio sorriso. Mi ha fatto veramente piacere essere apprezzata anche per un angolino semplice e senza pretese come può essere il mio blog e mi ha fatto riflettere che ad essere se stessi ci si guadagna sempre. Un bacio

Fabiana ha detto...

ti ho scoperto per puro caso e sono rimasta affascinata dal tuo blog meraviglioso.... dalle foto e da quello che cucini...

Moscerino ha detto...

@ Fabiana: ma dai, così mi fai arrossire!
@ Milla: 1) non scusarti di non essere passata prima, mica devi timbrare il cartellino! 2) al supermercato?? e da una sconosciuta?? A me è successo al cinema; ma per fortuna era la-fidanzata-dell'amico-di-un-amico..o qualcosa del genere. Mi ha salutato e ha detto "sai che ho fatto la tua torta al limone? era deliziosa"! piccoli momenti di celebrità :)

terry ha detto...

Dal sito di Martha ho salvato una tale quantità di biscotti! :)
questi pure....stupendi! e ti son riusciti benissimo!:)

Moscerino ha detto...

@ Terry: non per sminuire le mie capacità ma...sono davvero facili da fare!

Wennycara ha detto...

Senti... io ho riso proprio di gusto con questo tuo post :)
Gli operai, la povera zia, le foodblogger sui balconi (e come vedi i puntini)... sì, sì vale anche per me!
Sono così felice che tu sia tornata a scrivere. O, meglio, che tu ne abbia ritrovato il motivo e il gusto.
Un abbraccio,

wenny

p.s.: anch'io mi vergogno come una ladra...

Moscerino ha detto...

@ Wenny: allora non sono la sola a nascondere questo "piccolo segreto". Sono felice che il post ti sia piaciuto e che ti ci rispecchi.
E naturalmente che sia tornata a leggermi, e mica con un passaggio al volo, no no! Hai letto, gustato e commentato tutti i post che ho pubblicato. Sei sempre un'amica preziosa!

Anonimo ha detto...

Ciao Moscerino, sono buonissimi questi biscotti che ho già fatto un paio di volte. L'unica modifica che apporto è nella ganache dove ometto il miele perchè penso che, vista quantità che è pari al cioccolato, penso che "sovrasti" troppo il sapore del cioccolato.
Mi dai il tuo parere in merito e mi dici che miele hai usato?
Grazie
Ciao

Moscerino ha detto...

@ Anonimo estimatore dei biscottini: il miele non è proprio in quantità pari al cioccolato, è 40 ml rispetto a 60 g di cioccolato. A me piace molto il sapore che da alla crema e non lo toglierei. Magari puoi metterne di meno, se ti pare che sovrasti il profumo del cioccolato. Per questi biscottini io ho utilizzato un miele biologico siciliano di fiori di arancio, piuttosto delicato. spero di esserti stata utile!